Tema 4.3

La progressione in carriera nel p.i., ammissibilità con particolare riguardo alla riserva di alcuni posti agli interni in un pubblico concorso.

Sistema di organizzazione delle piante organiche come da l 165/2001, programmazione triennale e divieto di nuove assunzioni senza copertura.

Il concorso interno senza riserva di posti, art. 97 Cost, interpretazione letterale l’ammette, quella funzionale no; distinzione tra progressione verticale ed orizzontale, nella prima è come se non vi fosse continuità tra le due carriere ed occorrerebbe il concorso.

Art. 52 sembra che il concorso non sia l’unico metodo, spazio alla rilevanza delle progressioni professionali, poca tassatività del concetto, derogabilità in relazione alla previsione della contrattazione collettiva.

Posizione della Consulta, principio generale del concorso ma sua derogabilità una tantum con previsione legislativa caratterizzata dalla ragionevolezza.

Dottrina, d’accordo con la giurisprudenza come conclusione finale anche se non disdegna una lettura più ampia dell’art. 52; spazi che possono essere coperti dalla contrattazione collettiva.

Concorso con riserva di posti agli interni, compromesso utile per l’interesse pubblico senza scardinare il principio del concorso; accettabilità in relazione alle percentuali.